CANTINI GUIDA I GIOVANI DI MAREMMA IMPROVVISA

L’orchestra formata dai talenti della zona debutta nell’ambito del Grey Cat

Due giorni di prove e poi il grande spettacolo. E’ tutto pronto per il debutto dell’orchestra Maremma Improvvisa: il grande concerto e’ in programma per sabato 13 agosto e vedra’ sul palco del cinema all’aperto Le Ferriere, all’interno dell’ex Ilva, un gruppo formato dai grandi artisti locali e dai giovani talenti emergenti della zona. Il progetto costituisce uno sbocco per il lavoro di preparazione e di studio di tanti giovani musicisti di valore, formati nelle scuole di musica di Follonica e del territorio maremmano. Per questi talenti mancano le vetrine e la big-band Maremma Improvvisa e’ una grande occasione. Le prove sono in programma per giovedi’ 11 e venerdi’ 12 alla scuola comunale di musica ‘B.Bonarelli’ quando gli artisti saliranno sul palco per organizzare al meglio l’esibizione. E sabato n on mancheranno gli ospiti d’eccezione. “L’obiettivo – dice l’organizzatore dell’iniziativa Stefano Cocco Cantini – e’ far valere la professionalita’ dei giovani della nostra provincia e le loro doti. E per la prima esibizione non manchera’ l’ospite d’onore: avremo la presenza di un artista di levatura internazionale, come il trombettista Kenny Wheeler canadese di nascita ma inglese per esperienza artistica”. E la scena sara’ dominata da Stefano Cocco Cantini (sassofoni), Diana Torto (voce), Roberto Ciammarughi (pianoforte), Ares Tavolazzi (contrabbasso), Andrea Melani (batteria). In piu’ faranno parte dell’orchestra del Grey Cat nella sezione trombe Andrea Tofanelli (prima tromba), Franco Gianni, Andrea Lagi e Mirco Pierini. Al sax Luca Ravagni, Alessandro Riccucci, Stefano Franceschini e Aldo Milani, mentre ai tromboni Giulio Clementi, Riccardo Tonello, Cosimo Iacoviello, Carmelo Santalucia. A dirigere Michele Corcella.

Il produttore dell’orchestra Maremma Improvvisa e’ la cooperativa Toscana Produzioni Audio Video di Follonica, tramite la quale Stefano Cocco Cantini, Ares Tavolazzi, Piero Borri e Stefano Maccianti portano avanti il progetto Living Coltrane.